Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
Non si sono fatti attendere primi risultati dell’ottimo lavoro che sta svolgendo il Commissario Prefettizio del Comune di Decollatura Dott. Sebastiano Cento.
E’ datata 19 agosto 2010 l’ordinanza n°18 secondo la quale«sul territorio comunale è stato accertato il grave fenomeno dell’abbandono selvaggio di beni durevoli ed ingombranti, che il fenomeno ha assunto nel tempo portata rilevante in considerazione, altresì, dell’estensione del territorio, che l’abbandono incontrollato di tali categorie di rifiuti anche in prossimità dei cassonetti, oltre a rappresentare un problema ambientale, è fonte di degrado e costituisce un potenziale rischio igienico-sanitario per la salute pubblica ed un eventuale pericolo per la sicurezza dei cittadini. Questa gestione Commissariale si pone l’obbiettivo di riorganizzare l’intero servizio di raccolta rifiuti urbani con riferimento alle varie tipologie. Si sta procedendo alla bonifica dell’area di deposito dei rifiuti ingombranti e beni durevoli di origine domestica, sita in Via Iuliano di questo centro». Il Commissario facendo riferimento all’articolo 54 del Decreto Legislativo 18/08/2000, n°267, che prevede l’adozione di ordinanze contingibili ed urgenti ORDINA il divieto a tutti i cittadini di depositare, scaricare ed abbandonare i rifiuti ingombranti anche provenienti da altri Comuni (come mobili, infissi, arredi domestici) e beni durevoli dismessi (frigoriferi, apparecchi domestici, congelatori, televisori, computer, etc) e nella seguente ordinanza, comunica che i trasgressori saranno sanzionati come per legge. L’ordinanza, immediatamente esecutiva, sarà, si comunica, eseguita a cura della Polizia Municipale del Comune di Decollatura.

La presenza del Commissario Prefettizio (ricordiamo) è immediatamente successiva alla caduta dell’amministrazione comunale retta da Mario Perri, che a fine giugno, durante il consiglio comunale, è decaduta quando alcuni consiglieri di maggioranza e di minoranza decidono di non approvare il bilancio e successivamente con un atto unico presentano le proprie dimissioni.

Termina così l’amministrazione Perri, durata per circa dieci anni, che sembra aver prodotto a quanto affermato anche nell’ordinanza resa pubblica in questi giorni “il grave fenomeno dell’abbondo selvaggio di beni durevoli e ingombranti sul territorio comunale”.

Ricordiamo (facendo un breve “salto” nel tempo) la vicenda delle discariche dal giorno in cui sono state all’attenzione della cronaca. Da molti anni la discarica presente presso il capannone comunale fu oggetto dell’attenzione da parte della stampa. Il 13/02/2008, (nonostante negli anni precedenti fosse stata già resa pubblica e oggetto di numerose denunce) il Quotidiano “Calabria Ora” denunciò con veemenza una enorme montagna di rifiuti ancora presente presso il capannone di proprietà del comune dove vengono posteggiati gli scuolabus comunali e, addirittura, nello scorso Aprile, lo stesso Quotidiano, si occupò di nuovo del caso facendo notare come a distanza di anni quella discarica giaceva ancora indisturbata. Non fu bel biglietto di visita per gli abitanti di Decollatura, che qualche giorno prima furono messi a conoscenza del sequestro della discarica sita in località “Galera” posta sotto sequestro preventivo ai sensi dell’articolo 321 del C.P.P a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, da parte delle Forze dell’Ordine della Stazione di Decollatura. Presso la discarica a quanto sembra furono trovati diversi materiali tossici pericolosi per la salute dei cittadini, e in grado di provocare un gravissimo danno ambientale. Ma ancor di più, appare sconcertante a quanto sembrerebbe l’enorme cumulo di rifiuti tossici e solidi presenti in Via Iuliano nel Capannone acquistato dal comune sotto l’egida di Mario Perri, oggetto per molto tempo di denuncie attraverso la stampa di Associazioni di cittadini, la cui presenza ha indotto il Commissario Prefettizio Dott. Sebastiano Cento a prendere urgenti provvedimenti requisendo l’intera zona e emettendo l’ordinanza.

Commenti  

# Lidia Gilberti 25-08-2010 17:29
Il fatto si commenta da se. Ma mi chiedo dov'erano e dove sono stati i consiglieri di maggioranza e di opposizione a Decollatura nel mentre si perpetravano danni così enormi all'ambiente al decoro urbano e alla salute dei cittadini. Tali denunce andavano fatte con forza ancora prima dello scioglimento del Consiglio Comunale. Sappiamo tutti molto bene che le esalazioni da rifiuti speciali provocano danni seri alla salute dei cittadini e la loro presenza è vietata dalla legge.
Mi auguro che la prossima amministrazione tratti con serietà la problematica ambientale rimuovendo o isolando fonti di inquinamento che purtroppo nel nostro paese ci sono.....
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 25-08-2010 19:50
.... premesso che concordo pienamente con quanto da Lei affermato, tra l'altro pone le stesse domande che avrà certamente letto anche in qualche mio precedente commento o articolo.

Leggo testualmente “Questa gestione Commissariale si pone l’obbiettivo di riorganizzare l’intero servizio di raccolta rifiuti urbani con riferimento alle varie tipologie”

Ebbene, ho sentito tanti buoni propositi tante e tante volte, qualche mese fa in un incontro pubblico a Decollatura ho ascoltato con interesse quanto detto da una giovane assessore del Comune di Carlopoli, che sottolineò la nascita di un progetto tra Il comune di Carlopoli e quello di Soveria Mannelli per la realizzazione di “un’isola ecologica” da effettuare in località "bivio Bonacci" dove ubicare appositi e distinti cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti per un corretto smaltimento e riciclo anche di quelli ingombranti.

I rifiuti purtroppo ci sono e ci saranno sempre di più, allora in considerazione della dislocazione geografica dei comuni di Carlopoli - Soveria Mannelli - Decollatura che vede il "Bivio Bonacci" in comune a tutti e tre, perché non valutare tale progetto anche in funzione di una compartecipazio ne del nostro Comune? L'unione forze rafforzerebbe il progetto !!!

Non potrebbe essere anche una proposta su quale futuro per Decollatura?

Si potrebbero effettivamente creare in quella località appositi "cassonetti" da destinare esclusivamente per il riciclo e la raccolta dei vari materiali? Sono certo che se si creassero appositi ed idonei servizi sicuramente la popolazione ne prenderebbe atto utilizzandoli e collaborando con le varie amministrazioni invece di sentire sempre tante belle parole e poi alla fine pochi fatti..........
Rispondi | Rispondi citando
# Lidia Gilberti 29-08-2010 10:50
Il Consorzio tra comuni è una cosa prevista dal 267/2000 e secondo il mio modesto parere è qualcosa che va perseguita perchè ha l'obiettivo di affrontare e risolvere problemi comuni con minori costi. Per questo siamo sulla stessa lunghezza d'onda. Anche sul discorso delle isole ecologiche e della raccolta differenziata sono cose non più rinviabili. La prima, perchè c'è il problema dei rifiuti ingombranti che da qualche parte vanno messi (ma non certo accanto ai cassonetti) e si deve trovare un sito comune e condiviso pertanto va aperta una discussione che coinvolge tutti i soggetti che possono essere interessati ad esprimersi sulla localizzazione dell'isola ecologica. La raccolta differenziata ormai non è più rinviabile, ma bisogna iniziare ad effettuare un processo di comunicazione e di educazione del cittadino a come differenziare, alla necessità di differenziare, all'obbligo di differenziare. Buona Domenica
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 30-08-2010 21:25
Grazie per la lunghezza d’onda ……. Il consorzio tra comuni è una cosa prevista ed ha ragione,ma quel che manca purtroppo è la "cultura" del fare in comune. L'idea dell'isola ecologica, ne sono convinto, sarebbe una valida soluzione e ridurrebbe notevolmente i costi in tutti i sensi... ma verrà presa in considerazione? o prevarrà come al solito l'individualism o del singolo comune?.
Lei forse leggendo l’articolo ha pensato che noi abitanti di Decollatura “abbandoniamo selvaggiamente i beni durevoli e ingombranti sul territorio comunale così come capita“ le cose non stanno in questo modo, questi materiali ingombranti di cui si parla sono stati raccolti separatamente, nel tempo, e collocati nel terreno antistante il capannone della ex cooperativa ora di proprietà comunale (doveva restarci solo per il tempo strettamente necessario, invece….).
Ciò che è mancato poi e da qualcosa sarà dipeso, è stato il successivo smaltimento. Qualche Consigliere potrebbe spiegarci meglio per quali motivi!!!!!!.

I cittadini di Decollatura, Le assicuro che hanno e stanno pagando la Tassa per la raccolta dei rifiuti e come certamente saprà non certo sulla base del quantitativo prodotto dalle famiglie (come in Svizzera) ma sulla base dei mq delle abitazioni di cui si è nella disponibilità a prescindere che siano o meno occupate.
Qualcuno avrà anche portato vicino i cassonetti qualche rifiuto “ingombrante”, dimenticandosi che bastava chiedere, infatti mi sembra che esisteva un apposito servizio di raccolta specifica predisposto dal Comune per questi materiali che su richiesta venivano prelevati direttamente presso le abitazioni.
Rispondi | Rispondi citando
# Lidia Gilberti 01-09-2010 18:13
Caro Francesco, innanzi tutto se sei mio amico e scriviamo per lo stesso obiettivo dammi del tu. Guarda che io non vivo in Svizzera ma vivo a 25 Km da Decollatura e lì ci vengo sempre. Questo per dirti che i problemi di cui parliamo non sono presenti in un solo territorio ma dovunque. A Lamezia siamo pieni di ingombranti vicino ai cassonetti, una cosa indecente. Allo stesso modo di come sono indecenti quelle sedie di vimini bruciacchiate vicino i cassonetti prima di arrivare al Cardel. Lo dico con rammarico perchè questa cosa depone molto male nei nostri confronti. Quello che mi preme di sottolinearti soprattutto dopo avere assistito alla conferenza di ieri sera con Forgione, che a Decollatura c'è bisogno di un Sindaco autorevole, che sappia dire si quando e si, anzi si sforzi a dire si se la legge lo permette, ma sappia battere il pugno sul tavolo quando le cose non vanno e soprattutto sia nell'ottica che amministrare la cosa pubblica è esperienza e fatica, dura fatica e non già sedersi ad un tavolo per fare una conferenza o mettersi la fascia tricolore durante le processioni. Guarda Francesco lavoro da 30 anni nel Comune di Lamezia città ad oggi con 73.000 abitanti con tantissimi problemi. Mi trovo a lavorare in un posto dove passano gli interessi più grossi del lametino, l'urbanistica e l'ambiente. Credimi, a volte dico che i giorni dovrebbero essere di 48 ore, ti dico questo perchè per amministrare non basta avere i voti che certamente sono importanti, ma amministrare è completamente un'altra cosa: significa conoscere i meandri della pubblica amministrazione , sapere leggere le carte, osservare con distacco ciò che succede, sapersi inserire nel circuito dei finanziamenti regionali, nazionali, comunitari per reperire quelle risorse di cui gli enti hanno bisogno perchè il Governo Berlusconi li ha decimati. Decollatura ha urgente bisogno di questo se la vogliamo tirare su. Io mi sento una vostra risorsa per essere nata e cresciuta a Decollatura fino all'età di 15 anni e poi ci siamo trasferiti a Lamezia. Ma Decollatura non mi è per niente estranea anzi.... è il luogo dove veniamo continuamente, dove ho affetti e ricordi ed il mio grande piacere è quello di vederla rifiorire. Sai, per un periodo insieme al Vice sindaco di Lamezia, curavamo gli adempimenti del Patto Territoriale Agrolametino ed il mio grande dispiacere era quello di notare che il Sindaco di Decollatura nonostante le mie continue chiamate (non dovute) era l'unico grande assente.
Ma ora smettiamola di piangerci addosso, c'è bisogno di voltare pagina e per voltare pagina si deve essere forti, uniti, determinati. Mons. Bregantini dice sempre: "Alziamo la testa e non permettiamo che gli altri facciano le cose al posto nostro"
ti invio cose belle
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 02-09-2010 11:39
Ti rispondo subito dandoti del tu, da come leggo lavori al Comune di Lamezia , quindi parli con cognizioni di causa e hai una precisa conoscenza amministrativa.

Anche io sono stato un po’ presente a quella conferenza su “legalità e politica” dove è intervenuto Forgione.

Legalità e politica vuol dire anche saper gestire lo smaltimento dei rifiuti compreso quelli ingombranti tenendo presente che la riscossione della Tassa così come è attualmente concepita non è equa, infatti non è possibile far pagare lo smaltimento dei rifiuti sulla base dei metri quadrati dell’immobili e non sul consumo reale: per esempio per quanto mi riguarda dove abito con la mia famiglia e produco effettivamente rifiuti pago la metà dell’altra abitazione di mia proprietà dove non produco nessun rifiuto…. Ma pago ugualmente il doppio per rifiuti e smaltimento degli stessi MAI PRODOTTI… è un’assurdità non ti pare?.

Lavorare dove passano gli interessi più forti è un merito l’importante è lavorare nell’interesse della collettività e non dei singoli o di una parte. Essere eletti ad amministrare un Comune significa risolvere i problemi e non solo una parte ( spesso degli amici) quindi saper lavorare è un merito che rende questo tuo lavoro doppiamente importante.

Purtroppo non tutti sanno lavorare e spesso proprio qui “dove passano gli interessi più forti” che quell’intreccio tra legalità e politica sfocia nell’illegalità e nella corruzione fenomeni da colpire e che nessuno ( fino a quando ci sono stato io) ha fatto emergere a quell’incontro. Secondo il mio modesto parere era quello il solo tema della discussione.

Per tornare a noi … Da diverse legislature ti dovresti ricordare che si sono candidati a Sindaco di Decollatura sempre le stesse persone ……... E forse lo faranno ancora……...quindi….

Tu sottolinei nel tuo commento che “…. a Decollatura c'è bisogno di un Sindaco autorevole, che sappia dire si quando e si, anzi si sforzi a dire si se la legge lo permette, ma sappia battere il pugno sul tavolo…….” …….……” il problema è uno solo: trovarlo !!!!

Oltre al sindaco ci sarebbe bisogno anche di una squadra di consiglieri seri e soprattutto veramente voleterosi di rinnovamento….. . Ma come al solito la scelta sia di chi si nasconderà sotto una lista “civica” sia di chi utilizzerà il partito o il “centralismo democratico” alla fine non sarà basata sulla qualità e le capacità dei singoli… ma come sai sicuramente molti verranno prescelti come candidati solo perché appartenenti a un ceppo familiare numeroso quindi capaci di portare al mulino più voti……e fino a che si ragionerà così non vi sarà nessun cambiamento: cambierà qualche “musicante” ma la musica sarà sempre la stessa!!!!
Rispondi | Rispondi citando
# Lidia Gilberti 03-09-2010 00:10
Volevo chiederti: ma sei lo stesso F.Bonacci che ho come amico su Fb? è solo una curiosità.
"Legalità e politica" gli organizzatori hanno trovato un tema molto interessante da porre all'attenzione, infatti se non si parte da un sistema di moralizzazione della cosa pubblica anche a Decollatura non se ne esce.Legalità per me significa normalità. Io vorrei che Decollatura ritornasse ad essere un paese normale, dove si rispettano le regole, dove ognuno fa il proprio dovere e dove tutti pagano le tasse come fai tu, pretendendo in cambio però, più servizi, più cultura,più lavoro, meno tasse per tutti.
Il problema del pagamento della tassa dei rifiuti non in base alla quantità prodotta ma ai mq occupati, negli anni passati rispondeva ad un problema di ordine sociale.Ti faccio un esempio: chi occupava una casa popolare si riteneva fosse una famiglia di solito numerosa e con un reddito basso. Per cui opportunamente per non gravare tali nuclei familiari di una tassa elevata perchè impossibilitati a pagarla si è trovata la regola del pagamento a mq. Se tu poi hai una seconda casa più grande, per non pagare la TARSU devi dimostrare che la casa è disabitata e per dimostrare questa cosa, la casa non deve avere nè il contratto della luce elettrica nè quello dell'acqua. In questo caso il comune ti esonera dal pagamento della tassa. Detto questo un regolamento relativo alla raccolta dei rifiuti può essere sempre adeguato se si ravvisano motivi per cambiarlo. Questo può essere uno dei tanti problemi di cui la nuova amministrazione potrà farsi carico tenendo conto che l'approvazione o la modifica di nuovo un regolamento è di competenza, dopo l'approvazione in Giunta, del Consiglio Comunale.
Ciao a presto
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 03-09-2010 17:04
"non sono iscritto a Fb, ma su questo sito, se sei registrata, puoi usare i messaggi privati per comunicare direttamente con gli utenti.

Gli organizzatori come hai detto, hanno trovato un tema interessantissi mo, ma forse non è stato centrato, per quel poco che ho sentito, all'inizio infatti si è solo generalizzato.

Ma per restare in argomento specifico mi sembra un'assurdità per non pagare la tassa sui rifiuti staccare luce e acqua, come è anche un'assurdità questa regola di calcolo, pensi che vi sono tante case di nostri concittadini emigrati utilizzate pochissimo solo durante le ferie che pagano per metri quadrati per l’intero anno.
Questa politica sociale è sbagliata bisogna dirlo ed esserne pienamente coscienti, ma nessuno la cambierà…… porta soldi!!!!!.

Pagare, per un servizio di fatto non svolto, è legale? ho un pò di perplessità in merito. Nessun cittadino serio per due giorni che usa l’autobus farebbe un abbonamento mensile o no?

Tu dici da competente che questo si può cambiare… ma perché non lo hanno fatto? Eppure a Decollatura vi sono tantissimi di questi casi, per me il solo modo equo è pagarla in base al nucleo familiare e al reddito percepito e non certo sulla base degli immobili di proprietà o che si ha nelle disponibilità.
Se una famiglia abita un mese in una casa e un mese in un’altra produce sempre lo stesso quantitativo di rifiuti… non credo visto che paga… mangia due volte, cena due volte e così via..
Grazie comunque per le celeri informazioni fornite.
Rispondi | Rispondi citando
# Lidia Gilberti 03-09-2010 19:13
Carissimo io credo una cosa, che l'Amministrazio ne di un Comune non si scioglie dall'oggi al domani senza che ci siano motivazioni serie e di motivazioni serie ve ne sono tante. Se la situazione finanziaria è quella che il consigliere comunale Tomaino delinea con dati alla mano credo che c'è da essere poco allegri. Se è vero, com'è vero che c'è stata un'amministrazi one non oculata nella gestione dei fondi di bilancio mi permetto di dire che ci sono responsabilità politiche certamente, ma ci sono anche responsabilità tecniche, di chi ha redatto gli atti, di chi ha assunto gli impegni di spesa. Non è possibile che un contratto o un atto che impegna somme sia valido se a monte non c'è un impegno di spesa ed un impegno di spesa può esserci solo se a monte c'è copertura finanziaria (e potrei dire altro) . Il Commissario saprà certamente valutare nel merito ed iniziare un percorso di risanamento che sarà certamente in salita ma va fatto. Certo da alcune situazioni bisognerà pur trovare un bandolo della matassa per uscirne. Io ricordo molto bene quando a Lamezia ci fu il primo scioglimento del Comune dopo la gestione commissariale straordinaria arrivò la Giunta Lo Moro. Eravamo talmente indebitati che non c'erano neppure i soldi per fare un manifesto di lutto. Idem posso dire per il secondo scioglimento. Speranza ha trovato una situazione analoga. Posso garantire che da quelle dissennate gestioni lasciate dalle precedenti amministrazione ne siamo usciti bene, molto bene, perchè c'erano e ci sono persone che amministrano la cosa pubblica con cognizione, che hanno saputo rapportarsi con i cittadini tutti richiamandoli al senso dalla responsabilità tanto che da anni si rispetta il Patto di Stabilità, siamo in grado di spendere, di contrarre mutui, di fare opere pubbliche. Ma la prima gestione, quella della Lo Moro era stata determinata da una lista civica "Alleanza per Lamezia" trasversale ai partiti politici che ha saputo coinvolgere persone per bene che si sono ritrovate intorno ad un programma, che hanno governato non per interessi propri ma per quelli collettivi.... e anche l'elezione di Speranza è stata appoggiata da una serie di liste in cui sono confluite persone provenienti anche da estrazione politica diversa ma persone scelte e di indubbia moralità. D'altra parte un sindaco non è solo di chi lo vota ma una volta eletto è di tutti e deve governare per il bene di tutti per questo deve avere un programma di governo condiviso degli elettori. Io per Decollatura vedrei una cosa similare, cioè un gruppo di persone "per bene" di estrazione politica anche diversa, liberi cittadini, professionisti che pur ci sono ma che stanno dietro le quinte. Si deve voltare pagina, non c'è tempo per litigare e farsi i dispettucci ma invece deve esserci la passione di fare le cose ed il gusto di lavorare sodo per migliorare le condizioni del proprio paese. Pensateci...... !!!!!! Bisognerebbe già cominciare da subito a lavorare per comporre un programma che non sia scritto a tavolino da pochi ma coinvolga l'intero paese.
Francesco, credimi il problema del regolamento della riscossione della Tarsu è un problema secondario perchè come tutti i regolamenti vanno adeguati ai bisogni dei cittadini, nessuno lo vieta Importante è non evadere la tassa. Per il resto può esserne fatto uno nuovo che contemperi i bisogni dei cittadini con le entrate che il comune comunque deve prevedere, Senza entrate non possono esserci servizi per il paese.
Importante è ragionare sulle cose evitando di fare demagogia sulla pelle dei cittadini.
Rispondi | Rispondi citando
# De Grazia Pacifico 10-09-2010 14:58
A tutto ciò di quanto accaduto nel nostro territorio vanno ripartite ad ognuno le loro responsabilità, io da ormai 50 anni mi sono dedicato all'ambiente,no n solo nel nostro comune,ma bensì disteso da Lamezia Terme fino a camigliatello silano,in collaborazone continua con la lega ambiente nazionale,e ufficio legale di roma,,noi siamo stati tempestivi nel denunciare i pericoli che i cittadini andavano incontro,io sò la tossitività che hà il gas dei frigoriferi,e i contenuti delle cucine a gas,ecc.ecc.,ma non basta decollatura è una "patumiera" piena di immondizie" pure per la mancata irresponsabilit à di una mancanzadi educazione civica,,e affinche tutti noi non impariamo a rispettare l'ambiente noi viviamo sempre nella melma,,,molto tempo fà,circa tre anni, noi volontari dell'abiente denunciammo anche l'inquinamento delle acque del fiume amato,e l'ippatto abientale..nel sopra luogo, insieme con l'arma dei carabinieri locale accertato il grave danno se ne fece un filmato,foto,e relazione del sopraluogo avvenuto,ma fù lettera morta, "insabiata" dal potere politico..dov'e rano gli aggenti preposti al controllo del territorio,chi aveva l'obligo,ed il dovere di farlo e prevenire grossi pericoli x la salute dei cittadini non solo anno violato tutte le norme della comunità europea, è le leggi dello stato italiano...vole te un'altra prova, fatevi una scappatina sul monte reventino e noterete un cumulo di robba secca in luoghi ben vista, ma mi domando i tutori dei boschi,e non solo,dei fiumi,della fauna,dei tagli di bosco al di sopra dei 1.000 mt, come andrebe tutelata, lo stato dei luoghi,ormai devastati dall'inerzia dei controllori del territorio montano,dove sono? forse si son persi lungo i sentieri de fiumi ,noi giriamo continuamente sul territorio,e fin'ora non abiamo incontrato una "pattuglia della guardia forestale" ma che vi pensate che solo noi volontari dell'ambiente sul territorio potremmo salvare il patrimmonio naturale del territorio, noi non cerchiamo nulla, ma vorremmo un pò di impegno dalle forze dell'ordine tutte in massima collaborazione, così come il Procuratore della Republica di Lamezia Terme hà messo uno sportello a disposizione dei cittadini,noi lo ringraziamo,com e altresì pure il Dott.Sebbastian o Cento, che pur essendo una sola persona è stato, e lo sara' capace di risolvere i problemi di cui tutti gli amministratori comunali da circa 40 anni a oggi non sono stati capaci di risolverli,,e per finire cari concittadini a me' non risulta che un solo cittadino abia fatto una denuncia contro gli amministratori, io ne hò fatte tante li hò in una cartella conservate, mi chiedo in questi anni dove eravate, o solo da fare un vivo ringraziamento al Commissario Prefetizio che quanto stà realizzando,e realizzera', un'augurio di buona continuazione, e se avrà bisogno di noi saremmo lieti di darle la nostra collaborazione. decollatura.10- 9-2010---la voce dell'ambiente-- de grazia pacifico.
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna