Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
Riceviamo e pubblichiamo una poesia che un nostro compaesano Pepè, emigrato, dedica alla sua amata Decollatura.
La poesia di Pepè racchiude i sentimenti nostalgici della gente meridionale che per questioni professionali o per motivi di lavoro, ha dovuto subire quella grande piaga che sconvolge il meridione intero, l'emigrazione.

Decollatura

Quandu io tuarnu a nascire
u paise aju e sceglire:
ccussi quandu nasciu ancora
sciagliu a ttie Decollatura.

Cumu prima n'atra vota
ppecchì è bella Petra e Fhota,
ppecchì è biallu Riventinu,
chianu Scauzu e Colacinu.

Tumaini è puru biallu
è difronte u chianariallu:
guarda llà, se vide puru
u cuazzu du Pisciaturu.

Caminandu chianu chianu
arrivamu a ssu Rumanu,
e ammucciata intra nu vuascu
a funtana de Surruscu.

San Bernardo sia lodato
duve fhanu lu mercatu,
Casinove ca è cchiu avanti
amiconi tutti quanti.

Jiandu appriassu li Cerrisi
cce sta mparu tutti i misi,
pue li Lurzi e lli Vunazzi
cce sta mparu e nun nte ncazzi,
pue l'addame e lli Liardi
puru lla tanti riguardi.

Chissu è llu paise mio
e io ringraziu Dio
chi l'ha fattu e ssa manera.

Però mo sugnu luntanu
e me tremanu le manu:
piansu alla casa mia
e siantu tanta nostalgia.

Nun me resta c'aspettare
mu tuarnu a nascire
ppe mmu un fhazzu u stessu sbagliu
mu un nde fhazzu cchiù bagagliu.

E ppue l'aiu e consigliare
puru a chine ha de nascire,
iati lla senza vrigogna
iati lla ccu lla cicogna
iati lla senza paura
siti de Decollatura!

E un faciti cum'e mmie
mu me suannu sse vavie
ca me puarti in Puartugallu
pianzu alla fhuntana e Giallu,
o me puarti in Inghilterra
oppuru dduve c'è lla guerra
o chiudendo intra quattru mura
sugnu sempre de Decollatura.


Grazie a ttie caru cumpagnu chi sta storia l'ha lejiuta.
Si me dici "m'ha piaciutu" già io sugnu fhurtunatu
ad avire appriassu a mmie n'amicu cumu a ttie.

Pepè                                         


Commenti  

# francesco B. 22-11-2010 21:57
E' una bella iniziativa: recuperare e tramandare tutte le vecchie storie, poesie e tradizione del nostro passato..... questo è un modo per far rinascere Decollatura e tenerla più vicina e viva con tutti i nostri concittadini emigrati nel Mondo.
Grazie Nunzio
Rispondi | Rispondi citando
# Sandro G. 22-11-2010 23:17
Complimenti Pepè è bellissima... penso che possa rappresentare quello che proviamo per il nostro amato paese, noi decollaturesi che, purtroppo viviamo fuori.
ciao
Rispondi | Rispondi citando
# Giancarlo Bianco 23-11-2010 15:19
Complimenti Pepè, viva Decollatura che possa ritornare il paese più forte e più bello del mondo....
Giancarlo Bianco
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 23-11-2010 23:42
concordo pienamente..... viva Decollatura!
Rispondi | Rispondi citando
# gigi 23-11-2010 23:16
proprio bella complimenti!!!!
Rispondi | Rispondi citando
# Antonella 27-11-2010 22:55
Pepè ogni volta che la leggo mi si riempiono gli occhi di lacrime...
Bravo Bravo Bravo
Rispondi | Rispondi citando
# Francesco 28-11-2010 14:43
La stessa cosa ke succede a me...io ne ho una copia cartacea e la vedo ogni giorno e gurdandola girano le lacrime e penso ke se tutti noi Decollaturesi la pensassimo come Pepè di sicuro il nostro paese sarebbe migliore....
Rispondi | Rispondi citando
# Vittorio 29-11-2010 22:47
bellissima, ma ancora più bello è sentire Pepè, che la recita..... gli occhi non bastano a contenere le lacrime
Rispondi | Rispondi citando
# rosa 03-12-2010 08:45
Bellissima ! Complimenti...
Chi è Pepè, dove vive ?
Grazie !
Rispondi | Rispondi citando
# Francesco 03-12-2010 12:14
Ciao Rosa, si tratta di Pepè Nero originario di Tomaini ma residente in Emilia Romagna da tanto tempo ormai... Lui è lì ma il suo cuore è rimasto sempre qua con noi... e come dice Vittorio sentire Pepè mentre legge questa sua poesia e racconta il dolore che vive ogni volta che lascia Decollatura è indescrivibile. ..
Rispondi | Rispondi citando
# Tinto 03-12-2010 13:38
...le cose si sentono più vicine quando ....certe cose le hai vissute e divise con lui....i cerasa...e cuccuzze.....e "mpicunate".... .e tutto quello che per tanti hanni ci ha fatto crescere insieme.............
...aja lla miseria .......
Rispondi | Rispondi citando
# Tinto 03-12-2010 13:43
..........già tanti anni...
Rispondi | Rispondi citando
# mario durso 19-12-2010 21:00
complimenti pepe per i versi che hai scritto solo un "emigrante" poteva scrivere queste frasi perché le sente con il cuore, è l'amore per la nostra terra che ci legherà per sempre a noi decollaturesi.
mario D'urso
Rispondi | Rispondi citando
# rosa 16-01-2011 22:14
Complimenti davvero Pepè, sei proprio il Pepè che conosco io, oggi ne ho avuto la conferma.
Sei bravissimo.
Stammi bene te e famiglia...
Un saluto
Rosa
Rispondi | Rispondi citando
# Franco 17-01-2011 12:43
Complimenti!
Questa poesia si commenta da se.....
chi vive fuori la sente sua.
Bravo!!!!
Rispondi | Rispondi citando
# maria grazia nero 19-01-2011 23:29
la poesia di pepè .......
che dire ......stupenda
del resto pepè è pepè .......
ciao fratellino
Rispondi | Rispondi citando
# Francesco 03-02-2011 15:23
quando sento lui ke la recita mi emoziono...
Rispondi | Rispondi citando
# Pepè 12-10-2011 01:03
Grazie a tutti sono solo riuscito a mettere in rima i sentimenti che proviamo tutti noi che siamo lontani da Decollatura!! Grazie ancora Pepè
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna