Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
Il commissario straordinario di Sebastiano Cento ha provveduto all'assestamento del bilancio di previsione dell'esercizio finanziario in corso. Dietro richiesta dei competenti uffici comunali per l'integrazione o la riduzione delle entrate e delle uscite, al fine di «renderle coerenti con le reali esigenze dell'esercizio finanziario», nel documento contabile sono state apportate variazioni, mantenendo il pareggio finanziario e gli equilibri di bilancio.
Variazioni che ovviamente si riflettono sul bilancio pluriennale 2010-2012 con un totale sia in aumento sia in diminuzione all'incirca di un milione e 244 euro rispettivamente per maggiori entrate di un milione e novantasette mila euro circa e minori spese di 146 mila e 191 euro circa; per minori entrate pari a cinquanta mila euro e maggiori spese ammontanti all'incirca a un milione e 194 mila euro.
Per il revisore dei conti, Rita Cavallaro, e per il responsabile dell'ufficio finanziario municipale, Francesco Criniti, le variazioni sono congrue rispetto al bilancio preventivo approvato in precedenza. Inoltre «appaiono coerenti con gli strumenti di programmazione approvati dell'Ente. Sono attendibili, quanto alle maggiori entrate, rispetto agli stanziamenti di bilancio. Assicurano il mantenimento del pareggio finanziario e di tutti gli equilibri di bilancio». Tra le variazioni positive in entrata il contributo Cipe per la metanizzazione del territorio (un milione di euro), i diritti di segreteria (cinquanta mila euro), il rimborso del ministero della Giustizia per il personale comandato presso l'ufficio del Giudice di pace (ventiquattro mila euro circa), l'Ici (dieci mila euro).
La variazione negativa in entrata (cinquanta mila euro) riguarda esclusivamente i proventi di sanatoria edilizia. Quanto alle uscite, tra le variazioni positive, oltre alla somma inerente alla metanizzazione, circa sessantadue mila euro per oneri legati a sentenze sfavorevoli; circa ventotto mila euro per transazioni; ventuno mila euro all'incirca per la gestione degli acquedotti comunali; circa 38 mila euro per l'acquisto degli arredi inerenti alla sistemazione di piazza San Bernardo; circa quindici mila euro per il rimborso di mutui della Cassa depositi e prestiti.
Tra le variazioni negative in uscita 23 mila e 500 euro del fondo per il miglioramento dell'efficienza dei servizi; 40 mila euro per incarichi professionali di redazione di progetti del Prg; 15 mila euro circa di quote di capitale per ammortamento di mutui per investimenti; 31 mila e 800 euro per interventi su immobili comunali; 16 mila euro per manutenzione straordinaria.
Intanto il commissario straordinario di Decollatura ha proceduto all'annullamento di una deliberazione di giunta comunale del 31 gennaio 2007 e degli atti conseguenti riguardanti l'ampliamento del locale cimitero. In particolare la decisione concerne l'approvazione di una variante del progetto originario d'allargamento del camposanto comunale.
L'atto sarebbe stato redatto «in evidente contrasto con la normativa vigente in materia». Il suo annullamento si ripercuote naturalmente sugli atti che ne sono derivati. Vale a dire sulla procedura di gara con l'aggiudicazione dei lavori e sul contratto stipulato con l'impresa aggiudicataria.
Al Comune risulta che il progetto esecutivo originario dell'opera (125 mila euro finanziati dalla Cassa depositi e prestiti), approvato nel 2006 dalla giunta dell'epoca, dopo l'affidamento dei lavori a un'impresa fu sottoposto a una variante approvata dall'esecutivo nel 2007. Sulla base di quest'ultima fu indetta una gara a trattativa privata per l'esecuzione dei lavori con aggiudicazione a una nuova ditta lo scorso giugno.
Poi, a settembre, emerse che la variante prevedeva la realizzazione di due blocchi di loculi all'esterno del cimitero senza recinzione. Peraltro non sarebbe stata reperita la necessaria documentazione tecnico-sanitaria. Con la conseguenza che i lavori d'ampliamento cimiteriale non sono stati giudicati «funzionali, in quanto realizzano un'opera che non potrebbe essere utilizzata».
 
Giovambattista Romano
fonte: Gazzetta del Sud del 16 Dicembre 2010
 
 

Commenti  

# francesco B. 18-12-2010 12:21
'A livella1

(Originale in dialetto napoletano, 1953/64)

Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!


Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!


La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!


Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".


"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?


Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".


"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"


"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...



Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".


"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".



"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.



'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?


Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!".

---------------

Anche in questo casò Totò aveva già detto tutto: più che riposare in pace avere una giusta sepoltura, si pensa sempre più nell'apparire.
Ma come ha scritto Totò " 'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella: ci pone tutti sullo stesso piano, non fa differenze e non esclude nessuno.
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna