Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
“Nell'occasione della Conferenza stampa -ci spiegano gli organizzatori-  vogliamo lanciare l'iniziativa di creare un movimento Ritorno al Futuro allo scopo di, con l'aiuto e il sostegno di Eugenio Adamo, tentare di creare una giovane e futura classe dirigente, un movimento che si pone come obbiettivo principale il proseguimento degli ideali profusi in campagna elettorale e di avvicinare il maggior numero possibile di giovani alle tematiche politiche e sociali che dovrebbero essere apprese anche dalle generazioni del future. Questa conferenza rappresenta il primo passo verso il perseguimento di questo obbiettivo”.

Il gruppo Ritorno al Futuro ha così voluto organizzare il primo incontro tenutosi venerdi 30 Dicembre presso i locali del Circolo Blues “abbiamo voluto invitare i due consiglieri comunali Eugenio Adamo e Angela Brigante, per fare un resoconto di questi primi mesi di amministrazione”. Numerosi i convenuti all’evento, i consiglieri e Eugenio Adamo  e Angela Brigante hanno posto l’accento sin da subito, sulla gestione non proprio “trasparente” portata avanti sin d’ora dal Sindaco Cardamone “Legalità, Trasparenza, Democrazia partecipata, lavoro ed attività produttive sono state in pochi mesi sostituite da Arroganza, Supponenza, Omertà e Inesperienza. Ovviamente -spiega il consigliere Adamo- realizzare tutto ciò previsto nel programma in circa sei mesi è impossibile, ma questa giunta ha dimostrato di mettere in atto un vero “governo delle proroghe”.
 
Parole severe sono quelle usate dal Consigliere Eugenio Adamo nei riguardi dell’amministrazione retta dal Sindaco Anna Maria Cardamone durante la conferenza stampa. Il  consigliere Adamo , si sofferma  in particolare sulla “continuità di gestione che non ha apportato alcun  rinnovamento tanto predicato in campagna elettorale. Non hanno trovato risoluzione alcune spinose questioni, quali quella della mensa scolastica, la cui gestione è stata assegnata in proroga alla ditta precedente, con l’unico risultato di vedere aumentato il prezzo del buono mensa”. Durante la presentazione del programma elettorale il sindaco Cardamone aveva infatti assicurato, in caso di vittoria, l’attivazione del servizio mensa e trasporto fin dalla prima settimana di scuola, con la sperimentazione dei prodotti a KM zero e, ove possibile, biologici; questo era uno dei punti “programmatici” del programma della lista Decollatura Viva, “ad oggi -prosegue Adamo- l’amministrazione non ha neanche garantito ad una “minoranza” di bambini residenti nella  frazione “Iunci” di Decollatura il trasporto scolastico”. 
 
L’incontro ha toccato diversi punti tra i quali il “doppio ruolo istituzionale esercitato dal sindaco Cardamone, è stata proposta dal capogruppo Rossana Pascuzzi  la candidatura della Cardamone -spiega il consigliere Angela Brigante- come rappresentante del comune di Decollatura presso la Comunità Montana. Il sindaco ha giustificato la sua nomina  come una scelta politica. Forse -continua Brigante- ambiva alla presidenza della Comunità Montana?” L’atteggiamento omertoso  della maggioranza si  evince nelle mancate risposte alle nostre continue richieste -spiega il consigliere Adamo- circa i debiti fuori bilancio, come a tutti è noto il Comune ha un debito di 1,5 milioni di euro come abbiamo appreso dalla stampa, noi chiediamo al sindaco ancora una volta di elencare la natura di questi debiti, per poterli visionare e riconoscerli”.
 
Ma sono diversi i punti affrontati durante la conferenza dal consigliere Adamo non è mancata l’osservazione sul recente rimpasto che ha destabilizzato la cittadinanza” ancora oggi non conosciamo le vere motivazioni che hanno indotto il sindaco a spostare come pedine i suoi consiglieri, né è dato sapere come mai non sono state rese note a noi consiglieri di minoranza le dimissioni dell’assessore Lino Gigliotti, dimissioni  irrevocabili, dimissioni non prese in considerazione dal sindaco. Sarebbero molti altri i punti che vorrei affrontare ma ci auguriamo che l’amministrazione voglia darci delle risposte alle nostre domande rimaste inevase”.
 
 
Luigi De Grazia
Fonte Calabria Ora 05/01/2012

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna