Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
 «Appena la politica si è estraniata dal settore della sanità vi è stato un visibile miglioramento». Il Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Franco Talarico, ha spiegato nell’ambito della manifestazione organizzata dal Comitato Provinciale del partito di Casini e dai referenti di Decollatura, tenutasi lo scorso sabato 28 Gennaio 2012 presso la Sala Consiliare del Comune di Decollatura, come oggi «il settore della Sanità sia abbastanza complicato, la Giunta regionale ha lavorato, e sta lavorando nel migliore dei modi per tentare di risanare i problemi presenti».

Prospettive per il Poliambulatorio di Decollatura. Questo il tema affrontato nell’ambito del meeting e come spiega il Consigliere comunale Eugenio Adamo «la volontà di organizzare questo incontro è nata dalla “pressione” avuta dalla cittadinanza riguardo la mancanza di servizi che stava prendendo il predominio presso una struttura importante come il Poliambulatorio locale. Insieme agli amici dell’Udc di Decollatura e con la partecipazione dell’Udc provinciale e insieme ad Angela Brigante consigliere comunale, ci siamo fatti promotori di una sessione di lavori, che spero possa portare dei proficui risultati».

convegno poliambulatorioDopo i saluti del Sindaco Anna Maria Cardamone che ha voluto «consegnare al DG dell’Asp Gerardo Mancuso un documento discusso in Giunta su alcuni servizi specifici da poter inserire presso il Poliambulatorio locale» e l’intervento di Angela Brigante consigliere comunale che ha spiegato come «è stato fatto un punto su ciò che serve in questo territorio agli utenti, e abbiamo presentato documentazioni al Dirigente dell’Asp Mancuso». Il momento più atteso è stato l’intervento del Dirigente dell’Asp Gerardo Mancuso che ha precisato come «la situazione economica della Sanità è molto complicata, grazie ad investimenti talvolta esagerati effettuati negli anni, da un sistema politico molto spesso “inadeguato“ a gestire questo settore. Nonostante ciò -prosegue Mancuso- oggi la nostra Azienda si colloca, rispetto al piano di rientro, in una posizione di vertice. Oggi il nostro compito è ridurre la spesa, tentare di tornare alla normalità ovviamente senza poter aumentare i servizi, ma in cantiere riteniamo che dal 2013 riusciremo ad avere dei fondi aggiuntivi per poter anche, bandire dei concorsi.»

Molto deciso nell’intervento Gerardo Mancuso, che ha sottolineato più volte l’ottimo e non semplice lavoro di risanamento che l’Azienda sta effettuando «la politica di questi anni, ha solo penalizzato i territorio decentrati (come il Reventino il Soveratese..) elargendo la maggior parte delle risorse per i Presidi Ospedalieri e donando pochi servizi per il territorio. Oggi il nostro compito -continua- è quello di poter “invertire” gli organi di investimento tra territorio e ospedali». «Un modello nuovo e per la gente». Così spiega Mancuso il nuovo progetto sanitario «una serie di servizi vicini alle reali necessità delle comunità.

«Bisogna come prima cosa -prosegue- capire quali sono i servizi che servono maggiormente ad un territorio, come quello del Reventino: Un sistema di informazione per avere risposte complete, un servizio di Tele Medicina anche qui a Decollatura, quindi utilizzare le tecnologie informatiche e telecomunicazioni per lo scambio di informazioni corrette per la diagnosi, la terapia e la prevenzione di patologie, un sistema moderno utilizzato già nei paesi anglosassoni. Poi successivamente un Centro Prelievi a domicilio, con autovetture munite di speciali celle frigorifere, per poter effettuare tutti i tipi di prelievi; Progetto nuova Adi, la promozione della salute attraverso l’integrazione socio-sanitaria, 75 infermieri in movimento a domicilio per i vari territori, con la possibilità di poter effettuare anche ogni tipo di esame “particolare”; collaborazione stretta, sinergia completa con i medici di base, il punto nevralgico della sanità territoriale. A breve a Lamezia i medici di famiglia faranno anche Assistenza notturna, perché sono gli unici a poter dare risposte più appropiate conoscendo il paziente” Infine conclude Macuso “Decollatura avrà delle altre specialità, dei servizi completi per tutto il comprensorio del Reventino».

Luigi De Grazia

fonte Calabria Ora del 31/01/2012

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna