Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *
E’ appena iniziato l’anno 2012 carico di incognite, di preoccupazioni e di forte tensioni sociali. Ancora una volta il diritto allo studio è stato oggetto di tagli nel bilancio della regione Calabria 2012.
Il fondo che la Regione ha destinato per il diritto allo studio nell’anno 2010 è stato di 9.600.000 euro, nel 2012 è sceso a soli 5.600.000 euro. Pertanto i trasferimenti alle provincie sono stati negli anni sempre piu’ ridotti e in particolare la provincia di Catanzaro si è vista tagliare i trasferimenti, negli ultimi tre anni, di oltre il 50%.

La conseguenza è che la stessa provincia non può piu’ garantire i trasferimenti ai comuni e pertanto gli stessi devono far fronte a tutte quelle spese come ad esempio la mensa e /o il trasporto sociale con fondi propri. Questa è la comunicazione pervenuta dall’ Amministrazione Provinciale ai Sindaci della provincia -afferma il sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone– che con la presente intende rendere partecipi tutti i cittadini delle difficoltà reali che tagli soprattutto come quelli al diritto allo studio comportano e che pesano su quei diritti di pari opportunità di accesso al sistema scolastico ormai negati.

L’auspicio è che la Regione Calabria incrementi il fondo per l’anno 2012 altrimenti l’assenza di trasferimenti dalla Provincia al Comune per la l’integrazione della mensa sarà certa e ciò non farà altro che appesantire sempre di più il bilancio delle famiglie.

 

© Riproduzione riservata

Commenti  

# pippus 14-03-2012 13:53
A distanza di circa un mese sembra alquanto strano che, avendo letto questa comunicazione circa 200 persone, nessuna abbia commentato come sempre più difficile sarà garantire servizi, sinora considerati essenziali per alleggerire le famiglie, che potranno essere erogati solo a spese dei beneficiari.
Non c'è stata pertanto la presa di coscienza nè alcuna forma di preoccupazione su tali problematiche da parte delle famiglie.
Forse ci si aspetta che l'Amministrazio ne Comunale possa garantire i servizi senza fondi all'uopo finalizzati che non arriveranno????
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna