Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

Poste-ItalianeIl Sindaco Anna Maria Cardamone ha incontrato questa mattina il sig. Domenico Giovinazzo responsabile del Centro Primario di Distribuzione Poste Italiane, coordinatore dell’area lametina. Il colloquio è stato proficuo in quanto sembra essere in via di soluzione il problema di disservizio creatosi in questi giorni a causa dell’assenza per motivi di salute di un portalettere titolare nel centro postale di Decollatura.

Già da sabato prossimo il servizio tornerà alla normalità, in quanto lo stesso Giovinazzo ha comunicato che sono state aumentate le ore di straordinario per i due portalettere attualmente operativi nel nostro Comune.

Il Sindaco con questo comunicato coglie l’occasione per augurare una pronta guarigione all'impiegato N. B. confidando in un celere ritorno.

 

© Riproduzione riservata

Commenti  

# franca 20-04-2012 17:16
molto rumore per nulla!
Rispondi | Rispondi citando
# Franco 21-04-2012 15:06
Altro che tanto rumore per nulla se non si fosse scritto mica sarebbe venuto il responsabile di lamezia dal sindaco.
Ancora molti aspettano le bollette della luce scadute... arriveranno o sono andate smarrite?
Chi pagherà per tale smarrimento... i cittadini?
Per il telefono ci chiamano come sappiamo alla scadenza, ma l'ENEL che farà ci staccherà il contatore?

Spero che a te siano arrivate.... io aspetto ancora le mie ancora.
Rispondi | Rispondi citando
# Francesco 20-04-2012 22:07
Molto rumore per tanto invece..forse a franca la posta è arrivata, a me non ne è arrivata da 15 giorni come a moltissime persone delle zone di casenove, cerrisi e campagne... ora dopo le varie lettere a prefetto ed organi postali, proteste dei cittadini ect. la posta è arrivata... sarà una coincidenza??
Rispondi | Rispondi citando
# Ciccio Bonacci 21-04-2012 15:11
Bisogna smetterla di negare il problema di turno, non possiamo fare come lo struzzo che nasconde la testa nella sabbia, questo comportamento ha portato Decollatura allo sfascio, bisogna denunciare quello che non va sempre; questa volta è capitato al disservizio delle poste domani capiterà al Comune, così come all'Ospedale ect., solo così si eviterà la prevaricazione del "potente" di turno.

Cambiamo questo stato di cose una volta per tutte.
Rispondi | Rispondi citando
# Antonio M. 21-04-2012 15:36
La cosa grave è che il problema non si risolve segnalandolo ai mezzi di informazione, al prefetto o al sindaco.

La giusta via non è questa.

Resta comunque, purtroppo, l'unico sistema che in qualche modo sensibilizza chi avrebbe dovuto provvedere alla risoluzione della riduzione del personale causa malattia.
Non è possibile che la corrispondenza resti inevasa per più di 15 giorni, solo per l'assenza più che giustificata di un dipendente.

Pertanto non mi resta che augurare una pronta guarigione a N. B. in modo da rivederlo per le vie di Decollatura con le lettere da consegnare, sempre con con quel sorriso in volto che ti fa accettare anche quello che non vorresti ricevere.

Buon sabato
Rispondi | Rispondi citando
# franca 22-04-2012 14:21
il problema fondamentale di tale disservizio è che il comune ha una toponomastica inadeguata molti utenti sono privi di cassette postali affisse alle proprie abitazioni e i numeri civici non sono aggiornati nonché prive di numero civico. tutto questo impedisce al sostituto di un portalettere di svolgere il proprio servizio quindi se c'è una rimostranza da fare è avverso gli amministratori locali che non si adeguano alle nome vigenti nei paesi civili
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 22-04-2012 15:06
e come mai prima malgrado tutte le difficoltà della toponomastica e dei numeri civici la corrispondenza arrivava? si vuole proprio negare l'evidenza!!! Personalmente a me ancora non sono state recapitate le bollette Enel e questo è un disservizio e come di chi è la responsabilità se avrò problemi con l'ENEL? chi ne risponderà?
Probabilmente lei non sà quante persone sono venute al Comune a lamentarsi per tale disservizio verificatosi dopo l'assenza di un portalettere. Il portalettere prima sapeva dove recapitare la corrispondenza ora guarda caso secondo il suo pensiero la colpa è dei numeri civici. Si legga l'articolo del Comune di ZUNGRI forse anche qui si è verificato lo stesso disservizio.
Rispondi | Rispondi citando
# Antonio M. 22-04-2012 19:15
Di sicuro la toponomastica va rivista, ma non puoi dire che questo è il problema della mancata consegna della corrispondenza perché a casa mia c'è il numero civico la cassetta per le lettere ed il nome e cognome, e non sono il solo ad essere "a norma", ma nonostante tutto io aspetto ancora la bolletta ormai scaduta dell'ENEL (nota bene scaduta dal 10 aprile, oggi siamo al 22 aprile).

Oltre a questo cosa devo mettere sul mio portone anche il numero di telefono ed il codice fiscale?

Pertanto cara franca il tuo alibi non regge, se si sarebbe provveduto per tempo alla sostituzione del postino, la posta si sarebbe smistata anche con una toponomastica carente.
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 26-04-2012 12:12
il disservizio postale purtroppo esiste ancora, le bollette Enel non mi sono state recapitate e sono stato costretto a chiamare il numero verdeper avere l'importo delle bollette scadute il 7 Aprile e contestualmente sapere come meglio provvedere al saldo delle stesse.
Speriamo comunque che questo disservizio relativo all'accumulo della corrispondenza si possa risolvere al più presto.
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna