Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

Protezione Civile DecollaturaLa Protezione Civile di Decollatura in quest’anno di attività si è distinta in diversi interventi nel comprensorio del Reventino, per ultimo quello effettuato nel territorio del Comune di Conflenti dal quale ha ricevuto un attestato di stima e riconoscenza dal sindaco Giovanni Paola.
Proprio questa gratitudine nei confronti del Gruppo della Protezione Civile di Decollatura, ha fatto si che l’argomento fosse discusso nel Consiglio Comunale del 27 Aprile U.S. come da Delibera N.9 pubblicata all’Albo Pretorio del Comune.

Da quanto esposto abbiamo appreso:

Protezione Civile nelle passate gestioni
L’Ispettorato del lavoro, si legge nella delibera, poiché in passato non vi era nessuna registrazione del gruppo all’Albo Regionale della Protezione Civile e visto che con delibera di Consiglio N. 27 del mese di Giugno 2003 era stato previsto un gettone di euro 25 effettuò dei controlli e ritenne ciò non volontariato ma lavoro dipendente ed intimò al Comune di pagare i contributi INAIL.
Da ciò ne nacque una diatriba che portò a una cartella esattoriale EQUITALIA notificata in data 17/12/2007 di EURO 187.443,21 che ora ammonta a EURO 278.790,07.

Protezione civile oggi
Nel maggio scorso è stato ricostituito il gruppo della Protezione Civile di Decollatura, con iscrizione all’Albo regionale, che si è distinto in particolari servizi con vero spirito di volontariato e senza nessun gettone di presenza, lo dimostrano le belle parole del Sindaco Giovanni Paola "...i volontari intervenuti si sono prodotti in un intenso e protratto lavoro...dimostrando così grande abnegazione spirito di sacrificio autentico e civico...“ come quelle del Prefetto REPPUCCI ” ...Trovo pertanto altamente positivo e meritevole che venga organizzata una qualche forma di ringraziamento di manifestazione per esprimere pubblicamente gratitudine riconoscenza a chi ha ben operato nell’interesse pubblico, testimoniando valori di idealità alti “. Come quelle a suo tempo fatte dal Sindaco Anna Maria CARDAMONE in occasione dell’emergenza neve.

Protezione Civile domani
Come ha sottolineato il Presidente del Consiglio Comunale Francesco BONACCI nella delibera “sono stati buttati al vento dieci anni di Protezione Civile per non aver avviato tutte le procedure necessarie alla costituzione formale del gruppo stesso, oggi -continua- siamo avanti, la domanda di iscrizione all’Albo Regionale è stata presentata, i volontari hanno svolto un corso di formazione e devono andare ancora avanti verso l’iscrizione all’Albo Nazionale perché solo se riusciremo a fare ciò avremmo un vero gruppo di Protezione Civile e potremmo annualmente partecipare a progetti finanziati dal Dipartimento.”

Il Presidente Bonacci inoltre comunica che, il 13 maggio, il Prefetto di Catanzaro Antonio REPPUCCI e diversi sindaci del comprensorio saranno presenti presso la Sala Consiliare del Comune per fare un ringraziamento Istituzionale al Gruppo della Protezione Civile di Decollatura.

Inoltre il 10 Giugno, ci sarà una esercitazione operativa del Gruppo di Protezione Civile valutativa che va verso l’iscrizione all’Albo Nazionale.

 

© Riproduzione riservata

Commenti  

# luigi ruberto 08-05-2012 17:51
Oggi se i Sindaci di Conflenti e di Decollatura possono fare i giusti e meritati elogi per l'opera dei volontari del gruppo comunale lo devovono anche a quei "10 anni buttati al vento" in quanto a mani nude e senza formazione poco si può fare, certamente gli errori sono stati fatti non si può buttare al vento tutto ciò di buono che i volontari hanno fatto.
Luigi Ruberto VOLONTARIO (non di decollatura)
Rispondi | Rispondi citando
# Luigi2 08-05-2012 21:17
Signor Luigi ..."buttati al vento " si intende per la mancata regolarizzazion e presso gli Albi Regionali e Nazionali con le relative conseguenze nel nostro caso, che ha impedito in tutto questo tempo di partecipare a finanziamenti e progetti del Dipartimento Nazionale e non certamente per lo spirito e il lavoro svolto....
Rispondi | Rispondi citando
# tonino 09-05-2012 09:38
CARO LUIGI ,,,,, NESSUNO E CONTRO I VOLONTARI CHE HANNO OPERATO NEI "10 ANNI" MA LA PAROLA STESSA DICE VOLONTARIO NO STIPENDIATI MI MERAVIGLIO DI TE.... CHE SEI UN VOLONTARIO, NOI NON RICEVIAMO NESSUN GETTONE DI PRESENZA SOLO RINGRAZIAMENTI, MI SEMBRA CHE IL TUO GRUPPO E ISCRITTO REGOLARMENTE, NOI NON LO SIAMO STATI MAI, E RICORDATI CHE NON DIMENTICHIAMO LE COSE BUONE CHE HANNO FATTO GLI AMMINISTRATORI DI ANNI FA TIPO ACQUISTARE IL MODULO A.I.B. E ALTRO.....
Rispondi | Rispondi citando
# luigi ruberto 09-05-2012 22:49
il volontariato purtroppo spesso viene confuso o usato come manodopera a basso costo, da qui la stupidata del gettone e credo che anche oggi tutte le associazioni compresa quella dove opero io si devono "prostituire" alle amministrazioni per sopravvivere. spero vivamente che tutte le associazioni riescono a tenere duro e continuare a fare del bene senza nulla in cambio. Quando si parla di protezione civile dobbiamo riuscire a lasciare da parte i contrasti politici. Costruire sempre disfare mai.
Rispondi | Rispondi citando
# francesco B. 10-05-2012 08:15
E' questo ciò che l'Amministrazio ne Comunale di Decollatura vuole realizzare.
L'obiettivo è arrivare all'iscrizione al Registro Nazionale del Volontariato per poter partecipare a progetti con una PROPRIA e SPECIFICA IDENTITA'.
La Protezione Civile deve essere sempre un gruppo svincolato da ogni interesse politico locale perchè le amministrazioni passano, ma il Gruppo della Protezione Civile resta, è resta efficiente se alla base ha delle regole Istituzionali certe con la sola finalità: la tutela del Bene Comune.
Rispondi | Rispondi citando
# asterix 13-05-2012 16:35
bella manifestazione oggi di ringraziamento al Comune alla Protezione Civile di Decollatura. Ringraziamenti Istituzionali del Sindaco di Conflenti e della massima autorità di Governo il Prefetto Reppucci ai nostri concittadini che si sono contraddistinti in un servizio antincendio a Conflenti.
Per chi non c'era significativo è stato l'intervento di un avvocato di Conflenti al quale i nostri volontari hanno "salvato" l'abitazione. Le sue parole hanno dato pieno senso e grande significato all'intera manifestazione. La cittadinanza ha partecipato con soddisfazione sia alla manifestazione al Comune che a quella di Adami della Fattoria del Benessere. Per fortuna il vento è cambiato!!!!!!
Rispondi | Rispondi citando
# pacifico 22-05-2012 10:17
Che sia portata avanti sens'altro,ma che x due casi di attualita della protenzione civile operante sia a conflenti,e ha motta santa lucia,e dintorni e compito della stessa,,io vorrei portare a molti anni fa quando il sottoscritto fonddo una squadra della protezione civile io parlo di 48 anni fa,quando il servizio S.E.R. non esisteva lo feci notare io come CB,negli anni dal monte reventino,salva ndo pescherecci in'alto mare,fino a santa maria di leuca,,e quasi il tirreno,,,sull' incendio della "GIURRANDA" motta,conflenti ,migliuso serrastretta,e dintorni,,ancor a giaciono prove di un volontariato di cuore senza lucro alcuno,,in quei periodi non si sapeva cosa sia ""protezione Civile"" in passato ho contestato l'apparato in quanto si abusavano di ""AUTORITA"" la legge della protezione civile recita che che nessun operatore puo essere dato l'autorizzazion e di publico ufficiale,ma puo essere codiovato insieme a un vigile,o carabiniere,pol iziotto,e Guardia di finanza come altresi alla Guardia Forestale,,ma non puo vestirsi di autorita publica,escluso in momenti di calamita naturale,non puo essere risarcito di somme di denaro,in quanto volontario alla stessa,,,""il fuoco puo essere spento anche col fuoco contro vento"" bisogna conoscere i quattro punti cardinali e i venti anche durante una notte senza luce,è importantissimo x la sicurezza della vita stessa,non si puo operare allo sbaraglio in un territorio che non si conosce,,si va all'incontro alla morte,,conoscer e la temperatura del suolo,e quella dell'aria in quanto si deve capire lo stato dei luoghi, ci sono delle regole da rispettare nell'ambiente in modo regolarizzato dal come intervenire,x evitare ulteriori danni,,questa è stata la mia passione in quanto conoscitore della freguenza radio,e i codici-fonetico ,codice Q..e analitico,,e cartografia del territorio,,si potrebbe realizzare una unita radio freguenza di stazione fissa con le carte catastali del territorio da 1/a 50.000,in quanto anno i luoghi esatti e l'altimetria dei luoghi,,be io potrei dare ancora qualche anno a questa meravigliosa "PROTEZIONE CIVILE" non con parole,ma con i fatti e le esperienze in 50 anni da volontario dell'ambiente e della natura. a voi la decisione,,,
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna