Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

Ospedale di Soveria MannelliPer quindici giorni e più precisamente dal 15 al 30 novembre, in ospedale non sarà possibile effettuare alcun esame radiologico; nessuna Tac, mammografie, ecografie o semplici lastre.
Verranno evase solo le richieste del pronto soccorso, ma solo per le lastre e queste a loro volta refertate con l’ausilio della telemedicina.

Comitato Pro Ospedale del Reventino«Grave la "chiusura" della radiologia: disattesi i Lea, ma ogni minimo diritto di un comprensorio sempre più distante dagli interessi dell'azienda e del suo massimo rappresentante, Gerardo Mancuso. Quello che sta per capitare è un’offesa ai diritti fondamentali dei cittadini di questo comprensorio montano.»

Questo è quanto si legge in un comunicato del Comitato Pro Ospedale del Reventino. Da giorni infatti il CUP non consente di poter prenotare nessuna prestazione di quelle appena citate.

Un problema che nasce perché nel reparto di Radiologia dell’Ospedale di Soveria Mannelli vi è un solo medico che mancherà per quindici giorni per “riposo forzato” una consuetudine per consentire all’organismo di smaltire gli eventuali eccessi dovuti all’esposizioni alle radiazioni, una costante per questa disciplina.

«Un fatto però, -continua il comunicato- che ancora una volta ci mette in guardia, visto che più volte abbiamo espresso pubblicamente la necessità di un secondo radiologo. Con questo comunicato vogliamo chiedere pubblicamente al Direttore Generale, Gerardo Mancuso, se ha intenzione in questo lasso di tempo di inviare un’altra unità medica in radiologia o dobbiamo prendere atto che la sua gestione è fallimentare da ogni lato la si voglia guardare, visto che da tempo ha deciso di sottrarsi a qualsiasi replica. Noi invece speriamo che la replica possa arrivare per comprendere quali siano le ragioni di un eventuale diniego. Il nostro appello, ovviamente vale a 360 gradi, quindi, noi come al solito ci mettiamo la faccia e facciamo sapere le cose, altri, i responsabili del territorio a tutti i livelli, letto questo: sono pregati di interessarsi seriamente al problema».

  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna