Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

Decollatura: nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, si è discusso di un’importante e spinosa problematica; L’Azienda Speciale Servizi Ecologici (A.S.S.E.), posta già il liquidazione dal Commissario Prefettizio nel 2010 (leggi l'articolo) che nominò un primo collegio di liquidatori, interessando della vicenda la Polizia Tributaria.

Il Consiglio in data 30/09/2013 con la delibera N. 43 (leggi) ha deciso di trasmettere la documentazione, come consigliato nella relazione dal liquidatore dott. Pasqualino Famularo, all’Organo superiore di Controllo.

L’Amministrazione ha portato la discussione in Consiglio, dopo aver avuto la relazione del liquidatore e questo è stato certamente un bene per l’informazione perché molto si è discusso, recepito e verbalizzato.

Dai commenti di diversi cittadini, emerge che si è incominciato finalmente a fare chiarezza su molte cose, infatti era notorio da anni che vi era questa problematica che veniva sempre schivata e non discussa pubblicamente.

Molto è stato evidenziato nel corso della discussione consiliare e va riconosciuto a questi amministratori di aver avuto le spalle dritte, di aver affrontato una prima discussione con decisione e determinazione assumendosi le dovute responsabilità.

Una società come l’Asse avrebbe dovuto, costruire il bene del paese invece ci sono stati solo riflessi negativi e ora purtroppo si discute se è lecito riconoscere il debito dei dipendenti e dei fornitori per circa 170.000 mila euro.

La società A.S.S.E. come partecipata del Comune aveva come progetto la gestione delle mense scolastiche, dei servizi pubblici, del servizio idrico–fognario, la pulitura delle vie, delle aree verdi e tanti altri compiti invece ora apprendiamo dalla discussione non solo che è in liquidazione ma che oggi ha un debito di circa 170.000 mila euro che grava sulle spalle dei cittadini di Decollatura.

E’ necessario riflettere su chi ha le responsabilità, su chi ha illuso i lavoratori con le assunzioni e la popolazione con i servizi che avrebbero offerto in cambio.

 

© Riproduzione riservata

 

Commenti  

# Antonio 27-10-2013 07:48
come mai non si commenta?
Rispondi | Rispondi citando
# Marco 22-12-2013 17:25
Perchè si commenta da sola :P
Rispondi | Rispondi citando
# giovanni 10-01-2014 13:59
e si c'è poco da commentare..... soprattutto perché molti giravano in comune da quanto si è detto per essere assunti tra asse, gettoni della protezione (in)civile, e varie ehehehh
Rispondi | Rispondi citando
# Antonio 08-08-2015 17:41
il 5 c'è stato un'altro consiglio comunale sull'A.S.S.E. ma ancora non è stato approvato il bilancio di liquidazione presentato... mah mah mah.
Spero che la redazione informi i cittadini di quanto danno ha fatto l'A.S.S.E., e poi come si fa a votare in Consiglio per stima... le cose vanno viste sulla certezza e non certo sulla stima della persona... mah mah mah. Povera Decollatura.

A proposito... ma è ancora viva?

O adesso facciamo ritornare in scena i vecchi personaggi che hanno fatto danni a questa nostra Decollatura e che oggi si ergono a paladini della cosa pubblica, casti e puri, che confidano nella memoria corta dei decollaturesi per riprendersi il potere. Poveri stolti.
Rispondi | Rispondi citando

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna