Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lamezia Terme, Barbara Borelli, non ha convalidato il fermo nei confronti di Giovanni Mezzatesta.  Il Gip tuttavia, per il pericolo di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio, ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L'avvocato Francesco Pagliuso, difensore di Giovanni Mezzatesta, al termine dell'udienza di convalida ha dichiarato che: "il resoconto dei fatti offerto dal mio assistito, per molti aspetti coerente e concordante con le risultanze degli atti di indagine sin qui compiuti, unitamente agli ulteriori accertamenti investigativi che ci accingiamo a richiedere, varranno ad escludere che vi sia stata una obiettiva compartecipazione del giovane imprenditore Giovanni Mezzatesta nell'azione omicidiaria consumata dal padre Domenico Mezzatesta. Dell'insano gesto di quest'ultimo il mio assistito ha spiegato le ragioni che, ovviamente, valgono solo ad indicare le cause di una reazione sconsiderata e non certamente quale giustificazione di una condotta che, obiettivamente, giustificazioni non può avere".

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna