Accedi Registrati

Login

Nome utente *
Password *
Ricordami

Registrazione utente

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Conferma password *
Indirizzo email *
Conferma indirizzo email *
Captcha *

 

‘A matinata fha la jurnata
Il buon giorno si vede dal mattino


Jìre vidìandu quale fhurnu fhuma

Andare in giro per informarsi sui fatti altrui


Chine nesce tundu ‘un ppò morire quatratu

Chi nasce tondo non può morire quadro


Trasu ‘mpizzu ‘mpizzu, ca’ pue largu mi n’de fhazzu

Fammi entrare anche solo in un angolino, tanto poi pian piano mi farò largo


‘Un trummentare ‘i cani chi dòrmenu

Non stuzzicare chi è tranquillo


Vota cannella cumu ‘u Cuffhientaru

Il Conflentese è famoso per cambiare idea con facilità e quindi per il suo essere inaffidabile


Dduve cc’è gustu ‘un cc’è perdenza

Quando si fa una cosa con piacere non si fa caso se è faticosa o negativa


Fhinisce a brodu ‘e ciciari

Detto di un’impresa che finisce in malo modo, senza risultati positivi


Ppe llu catarru vinu ccu llu carru

Una buona cura per il raffreddore è il vino in abbondanza


‘Mpocare ‘a posta

Provocare


Parìre ‘na pitta avanti ‘u fhurnu

Essere d’intralcio


Si piacura te fhai ‘u lupu te mangia

Se sei docile e gentile ci sarà qualcuno più prepotente che prenderà il sopravvento su di te


Acqua passata ‘un macina mulinu

Il passato non è importante per il presente, così come l’acqua già passata non può azionare la ruota del mulino


Fhare ‘u ciuatu ppe ‘un jire alla guerra

Fare il finto tonto per non prendersi responsabilità


‘U lignu stuartu l’addirizza llu fhuacu

Per far ragionare la persona irragionevole ci vogliono maniere forti, così come per raddrizzare un legno storto è necessario bruciarlo


Alijàre, tri cose ‘e’ fhare: o fhame o sùannu o all’amùri pensare

Si sbadiglia per tre motivi: o per fame o per sonno o per pensieri d’amore


‘A panza è de pellicchja: cchjù la ìnchji e cchjù sse stendicchja

Lo stomaco è elastico, più lo riempi e più si dilata


Diu n’i ‘nde liberi e scampi de’ truani, de’ lampi e d’a fhame e d’a sìte d’i musicanti

Dio ci liberi e ci scampi dai tuoni, dai lampi e dalla fame e dalla sete dei suonatori della banda


Vizzu ‘e Natura, fhin’alla morte dura

Il vizio di Natura dura fino alla morte


Màngiate chillu chi vùe e lassa ‘a vucca a casu

Mangia quello che vuoi ma concludi il pasto col formaggio


Cònzala cumu vue, ca’ sempre cucuzza è

Cucinala come vuoi, rimane sempre zucca


‘U miadicu piatusu fha llu malatu verminusu

Il medico troppo compassionevole danneggia il malato


Fhare ‘u priavite suviarchju

Impicciarsi troppo dei fatti altrui


Me dòlenu ‘e tabbacchère d’’e jinocchja

Mi fanno male le rotule


Allu lustru d’’a lumèra simu tutti ‘e ‘na manèra

Alla luce fioca di una lampada sembriamo tutti uguali