comuneI consiglieri Comunali di Decollatura si dimettono dalla carica ricoperta irrevocabilmente e in maniera contestuale ed in un unico atto presentando le dimissioni stesse personalmente e contemporaneamente al protocollo dell'ente.

A rassegnarle proprio ieri sera sono stati i consiglieri di maggioranza tra cui il Presidente del Consiglio Comunale Daniele Esposito, l'ex vice sindaco Antonio Nero, gli ex assessori comunali Domenico Tramonti, Angelo Godino, nonché l'ex Presidente del Consiglio Comunale Carlo Spagnuolo unitamente ai consiglieri di minoranza Mario Tomaino, Luciano Molinaro, Pietro Cerra e Maria Greco.

Dunque ora Decollatura non ha più né un Sindaco né una giunta a reggerlo. La Prefettura ora dovrà nominare un commissario prefettizio che dovrà gestire l'ordinario fino a nuove elezioni comunali, che con tutta probabilità, si dovrebbero tenere nella primavera del prossimo anno.

Se un colpo di scena doveva essere, colpo di scena è stato, alla fine. Anche perché il tutto era nato il giorno prima in sede di consiglio comunale all'atto della votazione di alcuni punti all'ordine del giorno tra i quali vi era appunto quello relativo al bilancio di previsione per l'anno in corso che non era stato approvato dai presenti (erano assenti due consiglieri comunali).

Un consiglio comunale non privo di polemiche dunque che ha avuto un ampio seguito il giorno successivo con le dimissioni di massa di gran parte dei consiglieri che così hanno "impedito" anche le eventuali dimissioni del primo cittadino.

Per la cronaca nel consiglio per la maggioranza erano presenti oltre al sindaco di Decollatura Mario Perri, i consiglieri Antonio Anania, Franco Cerminara, Gianluca Pane, Franco D'Urso e Lucio Mazza, assenti, invece, l'assessore Liliana Gennaccaro ed il consigliere di minoranza Giovanni Albace.

fonte: CalabriaORA del 30 giugno 2010