E’ appena iniziato l’anno 2012 carico di incognite, di preoccupazioni e di forte tensioni sociali. Ancora una volta il diritto allo studio è stato oggetto di tagli nel bilancio della regione Calabria 2012.
Il fondo che la Regione ha destinato per il diritto allo studio nell’anno 2010 è stato di 9.600.000 euro, nel 2012 è sceso a soli 5.600.000 euro. Pertanto i trasferimenti alle provincie sono stati negli anni sempre piu’ ridotti e in particolare la provincia di Catanzaro si è vista tagliare i trasferimenti, negli ultimi tre anni, di oltre il 50%.

La conseguenza è che la stessa provincia non può piu’ garantire i trasferimenti ai comuni e pertanto gli stessi devono far fronte a tutte quelle spese come ad esempio la mensa e /o il trasporto sociale con fondi propri. Questa è la comunicazione pervenuta dall’ Amministrazione Provinciale ai Sindaci della provincia -afferma il sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone– che con la presente intende rendere partecipi tutti i cittadini delle difficoltà reali che tagli soprattutto come quelli al diritto allo studio comportano e che pesano su quei diritti di pari opportunità di accesso al sistema scolastico ormai negati.

L’auspicio è che la Regione Calabria incrementi il fondo per l’anno 2012 altrimenti l’assenza di trasferimenti dalla Provincia al Comune per la l’integrazione della mensa sarà certa e ciò non farà altro che appesantire sempre di più il bilancio delle famiglie.

 

© Riproduzione riservata