Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Vicesindaco Emanuele Butera in risposta ai commenti sull'articolo Decollatura: razionalizzazione illuminazione pubblica...

I punti luce presenti sul territorio comunale risultano 2177 di cui 31 a LED, di quest’ultimi quattro sono collocati nel Villaggio Gesariellu, uno sulla strada principale perfettamente funzionante e tre in una via secondaria con solo una casa abitata, con il palo posto dinanzi all’abitazione regolarmente funzionante, mentre gli altri due dovrebbero essere spenti. Dati risultanti dal censimento ENEL SOLE 10/05/2011 prot.n°2196; di questi solo di 170 ne è stata chiesta la sospensione anche se ce ne sarebbe bisogno di sospenderne altri, ma il problema è che una parte di essi sono di proprietà di ENEL SOLE, e soprattutto andrebbero riposizionati rispetto al cambiamento urbano avvenuto negli ultimi trenta anni.

Come si può ben capire da questi dati, è evidente una sproporzione rispetto al numero dei residenti che superano di poco le tremila unità, che tra l’altro non sono effettivi, (quasi un punto luce a persona) quindi aldilà della esigenza economica una razionalizzazione è eticamente necessaria specialmente per chi ha sempre predicato più equità nello sfruttamento delle risorse naturali.

Per quanto riguarda le buche della strada di Gesariellu non è la prima volta che come semplice cittadino ho riparato tali buche, che si formano puntualmente ogni fine inverno e sempre come cittadino appena ne avrò l’opportunità lo rifarò volentieri, condizioni meteorologiche permettendo. Visto che io stesso percorro quotidianamente tale tratto di strada, figurarsi se mi sta a cuore, sia come cittadino che come amministratore.

L’assessore ai lavori pubblici sa benissimo che da quasi un anno, i lavori del metano provocano gravi disagi alla viabilità del nostro comune sia per la qualità che per la prontezza degli interventi; l’ufficio tecnico è già intervenuto più volte sollecitando chi di dovere e avviando le procedure del caso. Purtroppo le condizione meteorologiche in questo periodo stagionale non permettono di effettuare la bitumazione del manto stradale.

La questione debito che tutti tirano in ballo non è affatto semplice, un conto è prendere conoscenza delle fatture da saldare, un conto è verificare se tutte le fatturazioni hanno seguito l’iter necessario per essere riconosciute come debito. Un esempio che mi consta personalmente: vanto un credito dal comune di circa tremila euro per aver alloggiato le persone che sono state sfollate dalle case popolari per il crollo tetto causa neve, che non mi potrà mai essere saldato visto che non è accompagnato da parte del comune della documentazione necessaria per essere riconosciuto.

In tal senso bisogna procedere con molta prudenza anche perché in caso contrario non ci sarebbe nient’altro da fare che prendere le chiavi e consegnarle a un commissario, che porterà al massimo tutte le aliquote comunali, è questa la soluzione migliore per i cittadini di Decollatura? Io personalmente sono molto combattuto sul da farsi.

Cari cittadini il problema principale non è fare polemiche di chi sia la colpa, ognuno si assumerà le proprie responsabilità vecchia e nuova amministrazione. Anche perché l’analisi andrebbe estesa al come e perché sono stati creati i debiti e considerare anche il fatto che negli ultimi dieci anni è in atto un processo di cambiamento iniziato con il mancato introito dell’ici comunale, che proseguirà probabilmente con il taglio del buono mensa scolastico del prossimo anno.

Dove ci porterà questo processo è ancora da capire, di certo tutto non sarà come prima, dovremo cambiare il nostro modo di vivere e di pensare; senza l’aiuto e la comprensione di tutti i cittadini il degrado del paese sarà inevitabile.

Per questo mi preme ringraziare di cuore il nostro compaesano Perseo, che ci incoraggia a fare meglio portandoci l’esempio del figlio che paga per fare volontariato.

Un ringraziamento particolare va alla proloco alla protezione civile e a tutte le altre associazione e persone che tanto hanno fatto in questo anno per il bene di Decollatura.

Chiudo dicendo che questi sono i fatti nudi e crudi capendo benissimo che ognuno agli avvenimenti da una propria lettura; ma tutto dipende con quali lenti la si vuol vedere.

 

Il vicesindaco
Emanuele Butera

 

© Riproduzione riservata