se non ora quando?Il 23 Giugno a Gerace (RC) a partire dalle ore 16,00 si terrà la manifestazione “La Calabria è delle donne” organizzato dal movimento “SE NON ORA QUANDO?” (La Calabria è delle Donne: Gerace, 23 giugno) con interventi di Cristina Comencini (regista e scrittrice) e di Anna Carabetta (regista e attrice).
L’Amministrazione Comunale di Decollatura è stata invitata dopo che la regista Anna Carabetta ha preso atto del lavoro svolto dall’Amministrazione ad un anno di insediamento.

Particolare attenzione è stata data alla composizione della lista Decollatura Viva (età media 33 anni candidate donne 5); alla composizione della giunta (3 donne e 2 uomini); ai risultati occupazionali raggiunti 12 ex LSU LPU stabilizzati; al servizio di scuola estiva svolto e programmato per il 2012; alla tutela dei beni culturali che dopo una serie di sopralluoghi ha decretato il vincolo ai sensi dell’art.10 comma3 del D.lgs 22.01.2004 N. 42 del Palazzo Stocco; al miglioramento dell’ambiente, alla rivalutazione della Villa Comunale, ed infine la partecipazione al progetto di integrazione “Pitagora Mundus” con l'obiettivo di ospitare 20 studenti egiziani di 14 anni per un periodo di cinque anni, in modo non solo di creare uno scambio interculturale tra gli ospiti e gli studenti del luogo ma anche quello di dare loro una preparazione tecnico-sanitaria nel campo ottico e/o dentistico.

Interverrà la vice presidente e assessore alla provincia di Roma Cecilia D’Elia autrice del libro “Nina e i diritti delle donne” di cui si leggeranno dei brani, oltre alla proiezione del video “Un ragazzo di Calabria” dal film di Luigi Comencini.

Alla Manifestazione parteciperanno diversi sindaci donne calabresi, presidenti di associazioni, parlamentari, giornalisti e per il comune di Decollatura il Sindaco Anna Maria Cardamone.

«L’esperienza che si è avuta a Decollatura in merito alle pari opportunità -spiega il Sindaco Anna Maria Cardamone- è scaturita dalla scelta di inserire molte donne professioniste e non nella Lista, solo così si è data la possibilità di eleggere più donne in seno al Consiglio Comunale ciò grazie alla voglia di cambiamento, alla volontà di fare e alla sempre più forte dignità femminile».

  

© Riproduzione riservata