gdg-eventi«Un progetto nato qualche annetto fa, creare un diario delle band emergenti della nostra Regione». Così il Presidente dell’Associazione Culturale Ricreativa GDG Luigi De Grazia, spiega come da Decollatura parta un’importante iniziativa «non per pubblicizzare, ma per far conoscere le interessanti realtà artistiche del panorama musicale calabrese». Dopo aver conosciuto i gruppi Daily Grind e Maieutica e la crew dei NewCastro Sound, è la volta di parlare dei “Musicanti del Vento”, band nata con l’intento di riproporre la musica tradizionale meridionale in “salsa” contemporanea.

IMG3432Da subito inseriscono nel repertorio loro inediti che nel 2009 costituiscono il primo album “Anime Deserte” nel quale ancora si avverte un forte richiamo all’etnicità calabrese. In questo stesso anno ottengono la loro prima conferma nazionale partecipando alle finali del “Biella Festival”, a questa ne consegue un’altra, il “Musicultura Festival”.

«Le conferme sono tante e tanta è la voglia di pubblicare nuovi brani -ci spiegano- questo avviene nel 2010 con l’uscita del secondo album “L’Isola dei Burattini”, una prospettiva ed una dimensione decisamente a carattere più nazionale, uno sguardo da occhio esterno sul mondo, su i suoi meccanismi assuefacenti ed indolori attraverso i quali ci si costringe la vita in una piatta favola già scritta». Proprio con un brano di questo disco (La cacca) ottengono il 3° posto ed il premio miglior performance al “Lennon Festival”.

13-Agosto-San-Calogero-103Le soddisfazioni di questo album non finiscono qui, infatti nel 2011 il videoclip del singolo (L’isola dei burattini) riscuote molti consensi, che conducono i musicanti alla realizzazione del terzo album “Al circo del poeta matto” che esce nell’estate del 2012 «quest’ultimo è un disco introspettivo,è un viaggio intimo attraverso le più svariate angolazioni, è l’affermazione in piena coscienza dell’individuo che fa comunità, pur mantenendo integro e riconoscibile il suo volto, il suo senso critico».

Una band costituita da ragazzi che fanno della musica la loro ragione di vita, Fabio Nicoletti (voce, chitarra classica e acustica), Paolo Presta (fisarmonica e organetto diatonico), Daniele Nicoletti (basso elettrico), Ciroberto Caputo (Tromba), Antonio de Paoli (Violino), Diego Soda (Chitarra elettrica, acustica e mandolino), Gabriele di Nardo (batteria e percussioni), Bruno Aloise (chitarra classica), Monica Rovito (mimo - performer).

Una ragione in più per avere fiducia massima nelle giovani generazioni, una Calabria all’avanguardia nella musica con i suoi artisti che trasmettono in colore della propria terra.

 

© Riproduzione riservata