Il dimensionamento scolastico è una problema molto sentito dal Sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone, dall’intera Amministrazione Comunale e dal Consiglio Comunale che ha deliberato all'unanimità chiedendo tra le varie ipotesi anche il trasferimento della direzione didattica da Serrastretta a Decollatura avendo quest’ultimo comune oltre 100 alunni in più. In merito prosegue l’opera di informazione da parte dell’Amministrazione di Decollatura e di sollecitazione affinché sia definita la problematica con una delibera del Consiglio Provinciale.
Riportiamo integralmente il Comunicato stampa che è stato inviato agli organi di informazione e a tutti i consiglieri provinciali.

“Apprendiamo con soddisfazione – afferma il Sindaco Anna Maria Cardamone - che per il Liceo Fiorentino di Lamezia Terme il Consiglio Provinciale ha trovato idonea soluzione avendo dato allo stesso un indirizzo artistico”.

Pare di capire, dalle dichiarazioni fatte dal Consigliere Provinciale Ruperto, che è ormai imminente l’approvazione del nuovo dimensionamento scolastico, su cui verosimilmente gli addetti ai lavori hanno trovato una quadra. Sicuramente, da quel che trapela sui giornali, hanno dato nuove e più convincenti soluzioni ai tanti aspetti problematici che avevano spinto lo stesso Consiglio provinciale, nell’ultima riunione, a rinviarne la trattazione.

E’ indubbio che il dimensionamento scolastico deve essere pianificato nel prevalente interesse generale, per creare scuole efficienti, senza pluriclassi, rispettose delle vocazioni territoriali e quindi anche dei livelli reali di integrazione dei servizi, a partire da quelli stradali e dei trasporti. L’efficienza che auspichiamo per noi è solo uno strumento per garantire l’efficacia dell’azione formativa delle scuole che si traduce in successo scolastico, buoni livelli di apprendimento e capacità di orientarsi nella vita successiva per gli alunni che le frequentano. Le reggenze, pensate come istituto provvisorio ed emergenziale, dovrebbero man mano essere eliminate proprio in ragione della diminuzione costante di alunni creando, in pari tempo, istituzioni autonome che abbiano tutti i numeri a posto e che siano capaci anche di fronteggiare le sfide demografiche del prossimo decennio.

Rispettare le comunità e le loro storie, ripristinare il senso di legalità anche in questo campo è quello che hanno sottolineato il Sindaco Anna Maria Cardamone, il presidente del Consiglio Comunale Francesco Bonacci e l’intera comunità cittadina e scolastica di Decollatura che hanno visto trasferire la direzione didattica a Serrastretta nel 2009 per soli tre alunni in più. Diamo atto che, pur tra sacrifici e difficoltà ormai passati, alunni e genitori hanno fruito in questi sei anni dei servizi amministrativi e scolastici erogati dalla sede di Serrastretta. Oltre 600 genitori hanno dovuto regolare i loro rapporti con gli uffici di segreteria e la dirigenza nonostante la notevole distanza e l’assenza di qualunque sistema pubblico di trasporto. Come tutti sappiamo la situazione numerica è cambiata subito dopo aver assegnato la Segreteria a Serrastretta. Oggi Decollatura ha una popolazione stabile e in crescita di oltre 110/120 unità rispetto a Serrastretta. Di questo, crediamo abbia merito un territorio forte e generoso che ha mostrato in questi anni una certa capacità di resistere ai rovesci demografici della Calabria, ma anche l’Amministrazione Comunale che ha saputo sostenere lo sviluppo delle sue scuole con una seria politica scolastica e sociale fatta di servizi efficienti, di investimenti consistenti sull’edilizia e la sicurezza e di una lungimirante politica di accoglienza e di integrazione degli immigrati.

La Provincia dovrà valutare bene tutte le richieste provenienti dal comprensorio del Reventino e determinarsi, in modo chiaro, opportuno e trasparente anche in questo territorio e non solo su quello di Lamezia Terme.

Pertanto, se è giusto e legittimo arricchire l’offerta formativa a Lamezia Terme, istituendo indirizzi del tutto nuovi e in passato anche negati, salvaguardando il patrimonio culturale e formativo di Scuole in gravi difficoltà d’iscrizioni, portandovi delle specialità nuove e anche in grande sintonia con il suo tessuto sociale, ”è bene anche – ribadisce il Sindaco Cardamone - che il Consiglio Provinciale di Catanzaro, da noi eletto, si faccia carico di quanto come Comune di Decollatura abbiamo deliberato e comunicato e che valuti tutte le opportunità per migliorare il Servizio scolastico sul Reventino tenendo conto della viabilità e delle strutture presenti sul territorio come anche dei numeri degli alunni presenti”. A tal proposito, ci si consenta anche un tono lievemente trionfalistico. Decollatura è l’unico paese del Reventino dove i numeri degli alunni non fluttuano, ma sono da anni costantemente in crescita. Sono ben 303 per l’anno corrente e vedremo a breve, con le nuove iscrizioni, quali saranno i dati per il prossimo anno scolastico. Noi scommettiamo sulla crescita e questo è un fattore su cui i decisori politici dovranno riflettere molto attentamente!